THE BOY’S BLOOD. I GIORNI DI DINO CAMPANA | Teatro delle Selve

Spazio San Salvi via di San Salvi 12, FIRENZE

In seguito alle note vicende Dino Campana fu rinchiuso in manicomio, dove uno psichiatra di nome Carlo Pariani lo sottopose a un ciclo di interviste per cercare di comprendere il nesso follia-genio.  Ho immaginato il poeta imprigionato nelle sue ossessioni, che si materializzano prendendo la forma delle diverse figure di “persecutori” che sempre lo assediarono: i marradesi, la madre, i letterati fiorentini, la Aleramo, i ragazzini per strada al suo paese, infine proprio lo psichiatra Pariani.

TRIO & ELECTRO_PLAY > MASTERCLASS di clarinetto, violoncello, percussione, composizione

Teatro degli Scalpellini via Marconi 10, San Maurizio d'Opaglio, Italia

Da lunedì 22 a sabato 27 luglio, Teatro degli Scalpellini, San Maurizio d'Opaglio, Lago d'Orta (No) |
Nell’ambito delle attività della Residenza Teatrale “Sul lago d’Orta. L’ecologia sottile del teatro”, diretta dal Teatro delle Selve, in ollaorazione con Comune di San Maurizio d'Opaglio, Museo del Rubinetto e Pro Loco

TRIO & ELECTRO_PLAY
MASTERCLASS di clarinetto, violoncello, percussione, composizione

docenti > MASSIMO BOTTER: composizione | NICOLA ZUCCALÀ: clarinetto e clarinetto basso |
MATTEO ZURLETTI: violoncello

CONCERTO FINALE TRIO & ELECTRO_PLAY > MASTERCLASS di clarinetto, violoncello, percussione, composizione

Teatro degli Scalpellini via Marconi 10, San Maurizio d'Opaglio, Italia

Da lunedì 22 a sabato 27 luglio, Teatro degli Scalpellini, San Maurizio d'Opaglio, Lago d'Orta (No) |
Nell’ambito delle attività della Residenza Teatrale “Sul lago d’Orta. L’ecologia sottile del teatro”, diretta dal Teatro delle Selve, in ollaorazione con Comune di San Maurizio d'Opaglio, Museo del Rubinetto e Pro Loco

TRIO & ELECTRO_PLAY
MASTERCLASS di clarinetto, violoncello, percussione, composizione

docenti > MASSIMO BOTTER: composizione | NICOLA ZUCCALÀ: clarinetto e clarinetto basso |
MATTEO ZURLETTI: violoncello

CAMMINANTI DEL SILENZIO | Teatro delle Selve

Valsamoggia (BO)

Venerdì 30 agosto, h 18, VALSAMOGGIA (BOLOGNA)
Drammaturgia e regia: Franco Acquaviva
Assistenza alla regia: Anna Olivero
Con: Mariasole Acquaviva, Anna Olivero, Franco Acquaviva

Un percorso nel bosco (o parco o monte) che cerca le tracce del rapporto tra esseri umani e animali selvatici: dove finiscono gli uni e cominciano gli altri, e viceversa? E siamo sicuri che gli animali non ci osservino con un maggiore senso di ciò che è reale? Noi che lo abbiamo un po’ troppo perso, il senso del reale, nelle luci televisive e nelle virtualità di una vita sempre più staccata dalla terra…
E’ un dialogo di animali e tra animali e umani quello che si può intravedere nella camminata, un seguire le domande e le visioni che possono giungere da certe specie (le più totemiche e rare o le più comuni) se immaginate/interrogate con spirito di poesia,
Così incontreremo i Cinghiali soprannaturali di Giuliano Scabia e il maestoso Lupo Bianco di Chandra Candiani, mentre seguiamo le tracce di una fanciulla che si è persa nel bosco e sta cercando di ritrovare, insieme, la strada di casa e se stessa.

CAMMINANTI DEL SILENZIO | Teatro delle Selve

Albenga (SAVONA)

Lunedì 9 settembre, h 18, ALBENGA (SAVONA)
Drammaturgia e regia: Franco Acquaviva
Assistenza alla regia: Anna Olivero
Con: Mariasole Acquaviva, Anna Olivero, Franco Acquaviva

Un percorso nel bosco (o parco o monte) che cerca le tracce del rapporto tra esseri umani e animali selvatici: dove finiscono gli uni e cominciano gli altri, e viceversa? E siamo sicuri che gli animali non ci osservino con un maggiore senso di ciò che è reale? Noi che lo abbiamo un po’ troppo perso, il senso del reale, nelle luci televisive e nelle virtualità di una vita sempre più staccata dalla terra…
E’ un dialogo di animali e tra animali e umani quello che si può intravedere nella camminata, un seguire le domande e le visioni che possono giungere da certe specie (le più totemiche e rare o le più comuni) se immaginate/interrogate con spirito di poesia,
Così incontreremo i Cinghiali soprannaturali di Giuliano Scabia e il maestoso Lupo Bianco di Chandra Candiani, mentre seguiamo le tracce di una fanciulla che si è persa nel bosco e sta cercando di ritrovare, insieme, la strada di casa e se stessa.